top of page
  • Immagine del redattoreHermes

Nagualismo: Potere Interiore ed Energia Vitale - Punto di Unione

Le Fondamenta del Nagualismo per un Benessere Equilibrato e una Forza Interiore Duratura



Negli ultimi anni, il mio interesse per il Nagualismo è cresciuto costantemente. Man mano che approfondisco le sue tematiche e pratiche, tutto sembra ricollocarsi come i pezzi di un puzzle, rivelando una connessione profonda e interconnessa. Ho deciso di aggiungere una nuova categoria al mio blog dedicata al Nagualismo perché credo che, con il passare del tempo, questa antica tradizione riveli sempre più punti in comune con la nostra tradizione esoterica occidentale. Questo ponte tra le due tradizioni potrebbe offrire nuove prospettive per comprendere concetti fondamentali e trasformarli in azioni concrete nella nostra vita quotidiana.

In questo primo articolo utilizzerò alcuni termini che non tutti andrò ad esplorare in questo momento, come l'arte dell'agguato. Più avanti dedicherò uno o più articoli per spiegare man mano i diversi punti.





Il Punto di Unione



Pensa che gli esseri viventi siano fatti di energia, come se fossero composti da campi energetici. "Aspetto vibratorio dell'energia" o "lato splendente dell'infinito" sono i nomi di questa energia che tiene tutto unito. È come un filo che collega tutte le parti di un essere. La morte si verifica quando questa energia viene meno e l'essere si dissolve.



Tutte le creature appartengono a un mondo o universo con regole energetiche specifiche. Queste regole esercitano una pressione sui campi energetici interni di una persona, costringendola a conformarsi all'allineamento della propria vita. Di conseguenza, una parte di questi campi energetici converge in un punto specifico noto come "punto di unione" o "punto di assemblaggio" a causa di questa pressione.



La percezione e l'interpretazione del mondo dipendono da questo punto. È come se fosse l'inizio da cui guardiamo e comprendiamo il nostro mondo circostante.



La posizione di questo punto di unione non è naturale; invece, viene insegnata e appresa fin dalla nascita attraverso l'educazione sociale. L'obiettivo di questo processo educativo è affinare la nostra prospettiva personale sul mondo. Quindi, le persone che ci circondano hanno modellato la nostra visione del mondo, che ci insegna cosa è importante e cosa non lo è.




immagine dal web



Il problema con questa visione del mondo è che ci concentra su cose insignificanti, bloccando il nostro potenziale energetico e rendendoci incapaci di muoversi liberamente. Questo modo di percepire il mondo, sia quando dormiamo che quando siamo svegli, risucchia la nostra energia. È possibile che avere esperienze oniriche chiare e vivide sia più difficile a causa di questo.



È necessario uno sforzo cosciente per uscire dalla prigione della nostra attuale visione del mondo e spostare il punto di raccolta verso posizioni più potenti. In questo modo, otteniamo una visione più ampia e chiara del mondo che ci circonda, senza essere limitati dai limiti imposti dalla nostra educazione e dal pensiero tradizionale.





Salvaguardia dell'Energia



La conservazione dell'energia è una questione cruciale per il nagualismo e per l'umanità. Alla fine, è l'unica cosa davvero importante. Se c'è una riserva energetica sufficiente, ogni impresa può essere fatta. Quindi, la vera questione è come non sprecarla.


Il "segreto" è davvero semplice e si basa sulla notevole differenza che esiste tra guerrieri e persone "comuni". Per sostenere e rafforzare la loro immagine di sé e del loro ambiente, le persone comuni fanno tutto ciò che possono, inclusi i loro pensieri e le loro emozioni.

Tuttavia, questo comporta un elevato costo energetico; Spesso non siamo consapevoli di quanto sia impegnativo mantenere la nostra identità così come la conosciamo. Al contrario, i guerrieri conducono ogni loro azione con l'intento di preservare la propria energia e, addirittura, di recuperare quella dispersa.


Questa pratica è strettamente legata all'arte dell'agguato, un concetto fondamentale nel Nagualismo. Tuttavia, l'agguato va oltre una semplice tattica; richiede un'armonizzazione con l'intento.

Ogni azione correlata all'agguato deve essere sostenuta e alimentata dalla lotta per concentrarsi su se stessi, superando così la continua preoccupazione per l'importanza personale. Solo in questo modo l'agguato diventa un'arte autentica, distinta da una mera manifestazione del proprio ego.


La comprensione della nostra situazione reale è il punto di partenza per un vero cambiamento nell'uso dell'energia disponibile. La nostra percezione del mondo e di noi stessi è stabilizzata attraverso rituali che canalizzano la nostra attenzione in direzioni specifiche, stabilite dall'intento del rituale stesso. Questi rituali non sono altro che le abitudini quotidiane, compresi i cicli di pensiero, sentimento e azione. Ogni atto che compiamo implica un uso della nostra energia disponibile.



È il modo in cui usiamo l'Attenzione che determina dove questa energia viene indirizzata e come viene canalizzata.


immagine digitale creata da me



Contemplazione


Per ottenere una nuova prospettiva, dobbiamo praticare la contemplazione. Questo processo implica l'uso non convenzionale della percezione per accumulare silenzio interiore e intensificare l'attenzione fino a superare una certa soglia critica.


L'obiettivo è raggiungere la manovrabilità del punto di unione, il fulcro della nostra percezione del mondo. La contemplazione, tuttavia, richiede un'interazione attiva col mondo e una disposizione a collaborare con esso, sfruttando l'oceano di consapevolezza che ci circonda.


Un esercizio base di contemplazione coinvolge la semplice osservazione di un oggetto, preferibilmente qualcosa che non reagisca energeticamente. Il nucleo di questo esercizio è mantenere l'attenzione sull'atto di guardare, interrompendo il dialogo interno. Man mano che ci concentriamo sull'atto di guardare, dobbiamo ricondurre costantemente la nostra attenzione alla contemplazione. Con il tempo e la pratica, possiamo unificare la percezione nell'area della volontà, permettendoci di vedere il mondo come energia.



La contemplazione va oltre l'agguato e i sogni.



Allo stesso tempo, la "contemplazione definitiva" ci consente di mantenere un costante stato di attenzione intensa, rivelando i flussi energetici nelle nostre attività quotidiane. La meditazione sull'arte del sognare ci permette di entrare direttamente in un sogno o in un sogno mentre siamo svegli, aprendo la strada a nuove intuizioni e realtà.  


Un modo utile per incorporare la meditazione nella tua vita quotidiana è dedicare qualche minuto ogni mattina alla meditazione profonda. Può cambiare completamente il tono della nostra giornata, permettendoci di iniziare la giornata con un’intenzione ferma e consapevole, anziché seguire passivamente il flusso dei nostri pensieri.


Ecco una spiegazione più dettagliata della pratica contemplativa :


Scegliere un argomento: inizia scegliendo un argomento per la riflessione. È preferibile scegliere qualcosa che non reagisca energeticamente, come un oggetto inanimato o un paesaggio statico.


Mantieni l'attenzione: mantieni l'attenzione mentre guardi un oggetto selezionato. È importante evitare di fissare lo sguardo sull'oggetto e concentrarsi sul centro del campo visivo e spostare leggermente lo sguardo nell'ambiente circostante.  


Interrompi il dialogo interno: cerca di interrompere il dialogo interno, che è il flusso costante di pensieri e riflessioni che spesso occupano la tua mente durante la meditazione. Ti concentri solo sul guardare, senza lasciare che i pensieri che ti distraggono prendano il sopravvento.


Ricondurre l'attenzione: Quando ci si accorge di essere distolti dai pensieri e di perdere l'attenzione sull'oggetto della contemplazione, l'attenzione viene rivolta all'atto di guardare. Poiché la mente tende a vagare spontaneamente, questo richiede pratica e costanza.



In altre parole, cercare di percepire l'oggetto in modo diverso evitando movimenti bruschi o sguardi fissi.



La progressione dell'esercizio: Dopo aver imparato le basi, si può passare a tecniche più complesse come meditare mentre cammina o utilizzare altri sensi come il tatto e l'udito.



Sincronizzare le percezioni con la volontà: L'obiettivo finale della contemplazione è raggiungere un livello di percezione tale da unificare la percezione nell'area della volontà. Ciò ci consente di vedere il mondo come energia e di creare nuove connessioni con esso.




Sebbene la contemplazione sia una pratica che richiede impegno, pazienza e impegno, può portare a cambiamenti significativi nella tua percezione di sé e del tuo ambiente.



Suggerimenti per Approfondire il Nagualismo


Se il Nagualismo ti appassiona, ti consiglio di iniziare a leggere i libri di Carlos Castaneda e di seguire Marco Baston, un grande maestro del Nagualismo qui in Italia. Nel suo sito troverai numerosi articoli che approfondiscono questo argomento, e ti consiglio vivamente anche i suoi libri. Personalmente, continuo ancora oggi il mio percorso di studio con lui.



Con gratitudine ,

Hermes






Comments


bottom of page